//
Stai leggendo...
diario

Se la televisione diventa social: il caso di #StarAcademy

Ieri sera è andata in onda la prima puntata di Star Academy, nuovo talent di Rai Due in sostituzione al format di X Factor passato a Sky. Le precedenti edizioni di X Factor hanno rappresentato un ottimo caso di interazione tra televisione e rete, in particolare su Friend Feed, durante le esibizioni gli utenti si scambiavano commenti, opinioni e ironie. Una sorta di tv social che rende (provarlo per credere) una trasmissione televisiva decisamente più interessante e divertente.

La camera X-factotum presente su Friend Feed è uno degli ambienti dove avviene questa interazione tra web e tv e dove un bel numero di utenti dialoga. La nuova edizione di X Factor deve ancora partire, ma ieri, appunto, è stato il turno di Star Academy e gli iscritti alla camera non si sono risparmiati con i commenti:

Pea Bukowski: “cosa mi sono persa? stavo giocando a farmville”

silvana p.: “il pubblico ha capito VOI NO”.

DvD: “mi pare chiaro che Star Academy vale la pena solo per prendere per il culo la Vanoni no?”

DvD: “cmq dopo quasi 3 ore di agonia, riconfermo che è tutto agghiacciante. Per fortuna c’è la Vanoni”.

(C)V: stacco anche io, grande fatica a vedere sta roba, senza la stanza è impensabile

In sintesi: il nuovo talent show non piace più di tanto. Certo, il tutto è condito da una considerevole dose di ironia (efficacissima, il sottoscritto ha sghignazzato piacevolmente qua e là leggendo i commenti postati ieri sera), ma è un dato oggettivo. Quella porzione di pubblico che lo scorso anno seguiva X Factor quest’anno trova la soluzione Star Academy del tutto insoddisfacente.

Tra i grandi cambiamenti che Internet ha provocato c’è anche quello di dar voce all’utente, quello che per altri media è considerato pubblico, che per i brand è consumatore. L’incremento dell’interazione negli ambienti social ha senza dubbio influito enormemente nella quotidianità e nelle pratiche di interazione degli utenti che abitano la rete. Per questo commentare una trasmissione televisiva è del tutto normale. Si prende la parola. Si restituisce quel messaggio che la televisione trasmette e si ridiscutono le dinamiche di comunicazione riguardanti la tv che, fino a poco tempo fa, erano considerate unidirezionali, ad unica eccezione per il consenso del pubblico espresso in Auditel.

Francesco Facchinetti, il conduttore di Star Accademy, oggi su Twitter (@frafacchinetti) scrive:

Ragazzi su @twitter abbiamo spaccato con@staracademy. Il dato della tele e’ antico e non vale più niente 🙂

Va detto che se il presentatore di un programma televisivo della Rai (che, notoriamente, non è così incline al mutare dei consumi del pubblico) interagisce su Twitter per discutere di quello che è andato in onda, ci fa capire che qualcosa è cambiato e sta cambiando nel modo di percepire la televisione. E considerare Twitter come metro di giudizio vuol dire provare a mettere la testa fuori dallo schermo. Anche Twitter ieri sera, ed oggi, ha fatto la sua parte facendo emergere (ieri sera) tra i trends proprio quello di #staracademy. Al di là dei commenti favorevoli o meno ciò che risulta interessante da analizzare è la crescita sempre più evidente di convergenza tra internet e televisione che, da noi, è una strategia ancora da esplorare. C’è da superare ancora qualche ostacolo per nulla semplice. Uno di questi lo evidenzia un utente in risposta alla considerazione di Facchinetti riguardo il pensionamento del dato Auditel in sostituzione della partecipazione in rete:

simonefavretto: “Eh ho capito ma ce lo devi spiegare ai capoccia di via Mazzini. Loro twitter manco sanno che esiste”.

Ma di solito sono le pratiche adottate degli utenti a dettare i cambiamenti. Prima o poi la televisione lo capirà o forse lo sta già capendo.

Annunci

Informazioni su andreapatassini

Andrea Patassini detto Patassa si occupa di tecnologie per l'apprendimento, e-learning, coding e pensiero computazionale. Appassionato di fumetti (in tutte le salse), deve capire come far entrare in libreria tutti i numeri del Topo.

Discussione

Un pensiero su “Se la televisione diventa social: il caso di #StarAcademy

  1. preferisco anch’io xfactor! 🙂

    Pubblicato da cooksappe | ottobre 1, 2011, 9:09 am

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tweet dal Patassa

Vecchi post

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: