//
Stai leggendo...
blog, comunicazione, diario, giovani

Sesso, droga e violenza: vi presento il blog

Gira in rete questo video riportato sui blog di Luca Sofri e su quello di Giovanni Boccia Artieri, è un frammento di una delle puntate di Porta a Porta dedicate alla morte della studentessa inglese Meredith. Sono minuti di pura televisione generalista di stampo vespiano. Si parla dei blog come uno strumento demoniaco e si intorta il tutto con parole che scuotono gli animi del pubblico di seconda serata come “prostituzione”, “promiscuità”, “doppie vite”, “visibilità”. E i luoghi comuni escono da sotto le poltroncine bianche degli ospiti per invadere lo schermo. Il blog per gli opinionisti in studio si limita ad essere una delle pagine buie dell’assassinio della giovane inglese, e serve per costruire un’atmosfera inquietante legittimata dalla facile associazione “giovani, droga, sesso e violenza”. Il pubblico a casa è rassicurato. In fondo ciò che Bruno Vespa offre sono solo certezze. Rai Uno ha come target di riferimento un pubblico anziano e poco acculturato, cresciuto ed educato ad un tipo di comunicazione unidirezionale che non permette il confronto e l’approfondimento. Piovono dall’alto considerazioni, il pubblico passivamente le metabolizza senza poterle né rielaborare, né tanto meno riformularle.

Hanno paura, ecco tutto. Quel gruppo di cinquantenni ha paura perché non sanno come affrontare la comunicazione bidirezionale che la rete offre e di conseguenza demonizzano il fenomeno Internet. Non è un caso che tra gli opinionisti non c’era neanche un rappresentate dei giovani, neanche un bellimbusto costruito su immagine e somiglianza dei “giovani di oggi” a dimostrare le loro tesi. No, c’erano sono “adulti” profondamente disorientati per come i mezzi di comunicazione stanno cambiando: rischiano di perdere il treno loro, o forse lo hanno già perso da tempo. Non c’è nessun commento del pubblico alle loro considerazioni, non c’è partecipazione, non c’è lo scambio di idee che Internet offre. I blog servono solo a quei ragazzi che non riescono ad andare in un reality, ecco il sunto della trasmissione.

Così si rischia di banalizzare il tutto, di allontanare la dimensione partecipativa della rete da quella generalista della televisione. Mentre in altri paesi si sta cercando un punto d’incontro tra questi due ambienti, di costruire un ponte che permetta alla stessa televisione di rigenerarsi e di riposizionarsi nella mente degli spettatori, in Italia vige lo stato di puro pregiudizio, il video è una triste conferma.

Informazioni su andreapatassini

Andrea Patassini detto Patassa si occupa di tecnologie per l'apprendimento, e-learning, coding e pensiero computazionale. Appassionato di fumetti (in tutte le salse), deve capire come far entrare in libreria tutti i numeri del Topo.

Discussione

6 pensieri su “Sesso, droga e violenza: vi presento il blog

  1. peccato che sia tagliato il documentario sull’abitudine al sesso e alla droga dei giovani universitari..
    in altri paesi – soprattutti nei paesi meno ricchi di denaro – internet è considerata una grandissima ricchezza, la possibilità di comunicazione, di scambio, da noi addirittura viene recriminata in questo modo, il problema di Vespa e coetanei è esserne fuori, ma in questo modo si scende dal treno di un movimento globale che va veloce come la luce, e in questo paese a parlare e a decidere sono solo ultrasessantenni..

    Pubblicato da Naima | febbraio 27, 2008, 8:38 pm
  2. @naima:sulla tv generalista qualcosina si trova, c’è chi ci prova a scrollarsi di dosso frasi fatte e retorica di bassissima lega, ma è poco. L’associazione sesso e internet, trasgressione e blog fa male a tutti, anche a chi conosce un pò meglio la società digitale. Un salutone!🙂

    Pubblicato da Andrea Patassa | febbraio 28, 2008, 8:15 am
  3. ciao andrea, terrificante questo video.
    ti ho risposto sul mio blog, grazie per essere passato, a presto.

    Pubblicato da daniela | febbraio 29, 2008, 9:39 pm
  4. oi andrè quando poi hai finito corri corri, fai una scappata nel mio blogghe!
    ciaoooos

    Pubblicato da ADRIO THE BOSS | marzo 1, 2008, 11:26 am
  5. Ne parlano senza conoscere.
    A forza di criminalizzare il mondo dei giovani a sproposito finirà che lo renderemo davvero quel che non è.
    Il male vero? Il mercato.

    Pubblicato da guccia | marzo 4, 2008, 2:05 pm
  6. @daniela:terrificante è dir poco… dal salotto di Vespa ogni tanto scappano certi mostri!
    @adrio:passo amigos!
    @guccia:il mercato, a mio parere, pò anche illuminare menti buie: i suoi tentacoli toccano tutti e portano molteplici istanze, anche qualcosa di buono può arrivare e svegliare gli animi, credo. Un salutone a tutti!

    Pubblicato da Andrea Patassa | marzo 5, 2008, 5:35 pm

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tweet dal Patassa

Vecchi post

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: